Dopo un 2020 turbolento, ma anche entusiasmante e creativo per certi aspetti, l’Accademia ha deciso di fare tesoro di tutto ciò che è stato, ripartendo dalle persone e dalla scrittura, per guardare al futuro con speranza e soprattutto progettualità. In questo 2021 ci saranno dei cambiamenti e tante nuove idee da condividere con coloro che sono diventati parte integrante di questa nostra realtà editoriale. Il blog si avvalerà di nuove collaborazioni, ma non solo. Continueranno gli approfondimenti, le interviste, le rubriche fisse e le recensioni di libri, film, serie TV e ci sarà anche molto altro.

Pubblicheremo lunedì, mercoledì e venerdì.

Nello scorso anno parola dopo parola, argomento dopo argomento, volto dopo volto, la redazione del blog dell’Accademia ha “sfornato” articoli dalle mille sfaccettature, dall’attualità alla storia passata, dallo sport alla cultura, dall’arte all’economia. Unico comune denominatore: la scrittura. L’Accademia è stata capace, in un momento di grandi incertezze, di creare un rifugio letterario, in cui scambiarsi consigli letterari e dialogare dei più svariati temi. Tra i tanti articoli pubblicati (oltre 200!) ce ne sono alcuni che hanno ricevuto più riconoscimenti in base al numero di clic o alle interazioni ottenute.

Partendo da inizio anno ecco la lista degli articoli più letti del 2020.

14/04: L’attimo fuggente (film) a cura di Sandro Zavagno.

Il film affronta il sempre attuale conflitto tra la libertà di affermarsi come individui, anche e soprattutto in giovane età, e la scuola intesa come istituzione che ha delle regole e deve dare delle nozioni e delle competenze. Qual è il limite entro il quale l’istruzione scolastica deve fermarsi per non tarpare le ali dei ragazzi? E i genitori: fino a dove possono spingersi per cercare di indirizzare i propri figli? Sono tutti quesiti di non facile e univoca risposta. Sicuramente l’equilibrio è il metro migliore per misurare l’ambito di influenza di ciascuno dei protagonisti in gioco.

“L’attimo fuggente”, titolo originale “Dead Poets Society”, è un film del 1989 diretto da Peter Weir, con protagonista Robin Williams.

Vai all’articolo, clicca qui.

29/04: Unorthodox (serie TV) a cura di Eleonora Bufalino

La pellicola scorre fluida, le immagini catturano l’attenzione dello spettatore e lo inghiottiscono fino a condurlo all’empatia. Le radici chassidiche di Esty permeano dallo schermo e raggiungono le emozioni di chi guarda, aggredendolo come un pugno in piena faccia. L’atmosfera è opprimente quando narra le vicende della sua quotidianità nella comunità ebraica; poi diventa speranzosa appena mostrano la protagonista che prova a trovare il suo posto in una società che non ha mai conosciuto prima, libera, moderna, spensierata, in cui ognuno può diventare ciò che vuole. Esty insegue il suo sogno, la musica, e tenta di farcela con le sue sole forze.

Vai all’articolo, clicca qui.

14/06: Cent’anni dalla morte di Max Weber a cura di Cassandra Cicconi.

Le tesi di Weber sono molto conosciute; il pensiero risulta straordinariamente attuale per molteplici aspetti, quelli più interessanti riguardano il valore dell’insegnamento e la visione della scienza, la quale deve avvalersi di metodi razionali e di esperimenti precisi, ma anche fare in modo che lo scienziato sia mosso da motivazioni che lo “appassionino” al tema della ricerca. Weber intuisce come l’arte esprima un valore atemporale della bellezza e la razionalizzazione nasca dalla fiducia che il mondo sia accessibile alla conoscenza razionale e che lo scienziato possa migliorarla mediante scoperte e innovazioni.

Max_Weber - Accademia della scrittura

Vai all’articolo, clicca qui.

18/07: Western, spaghetti western e Ennio Morricone a cura di Cesare Giurgola.

Che cos’è il western? È un genere che ha avuto e che ha una grossa importanza nel mondo della settima arte. Avete presente quei film in cui ci sono i cowboy con stivali e speroni, che vanno a cavallo, che duellano, che passano il tempo libero nei saloon con le porte basculanti e in cui c’è il pianista che mentre suona schiva pallottole volanti? Ecco, quelli sono i western. Sergio Leone ha dichiarato: ”Gli americani hanno inventato il western, noi lo abbiamo migliorato”. Come dar torto a un regista che ha diretto un capolavoro come C’era una volta in America? E poi, parlando di western, non si può tralasciare il contributo delle colonne sonore di Ennio Morricone, purtroppo scomparso lo scorso 6 luglio a novantun’anni.

Vai all’articolo, clicca qui.

31/07: Intervista al cast di Picciridda a cura di Diletta Alaimo.

In una sera d’estate siciliana, all’interno dell’arena di un paese nel palermitano, sta per essere proiettato uno dei film più toccanti di recente produzione: Picciridda – Con i piedi nella sabbia, basato sul romanzo di Catena Fiorello. All’entrata a teatro lo scenario che mi si prospetta davanti ha qualcosa di intimo e familiare. Una bambina dolcissima dagli occhi grandi si guarda intorno, incredula della realtà che, da qualche mese, si ritrova a vivere. A fianco a lei un regista sorridente, quasi ignaro del ruolo che riveste e infine un attore dallo sguardo buono, che ricorda una figura paterna.

Paolo Licata porta al cinema il romanzo di Catena Fiorello, raccontando le vicende di una bimba di 11 anni affidata dai genitori alla nonna, una donna severa e apparentemente incapace di manifestare i propri sentimenti.

Vai all’articolo, clicca qui.

11/09: La fine dei supereroi a cura di Michele Messina e Simona Zarcone.

L’11 settembre 2001 è una data che ha cambiato per sempre il volto degli Stati Uniti , minandone la sicurezza e scuotendo profondamente l’opinione pubblica. Per la prima volta dopo Pearl Harbour, gli americani si sono sentiti minacciati dal nemico proprio in casa loro. Un evento di questa portata non ha avuto ripercussioni solo sulle persone “normali”, ma ha toccato anche i Supereroi, conosciuti per l’essere dotati di poteri straordinari. Per la prima volta, però, neanche loro sono riusciti a difendere la città, come testimonia un albo spillato uscito il giorno dopo la terribile sciagura.

Vai all’articolo, clicca qui.

1/10: Eroine (libro) a cura di Marta Lilliù

Marina Pierri presenta ai lettori e alle lettrici la figura dell’antieroe, portata più che mai in auge dalle serie TV dell’ultimo ventennio e mostra le tappe che formano l’arco narrativo del viaggio dell’eroe.Successivamente, l’autrice propone le vere protagoniste di questo libro: le eroine di cui parla Marina Pierri sono donne di ogni tipo, con tutti i pregi e i difetti possibili. Donne vere che la scrittrice sceglie di inserire in uno schema di dodici personaggi archetipici che incarnano dei simboli e che guidano lo spettatore-partecipante attivo attraverso il loro viaggio eroico, che è personale ma anche universale e umano.

Vai all’articolo, clicca qui.

16/10: Per te solo io (libro) a cura di Serena Passani.

È l’ultimo romanzo arrivato in Italia di Tillie Cole, ad agosto la Always Publishing ha pubblicato la terza uscita italiana dell’autrice. Dopo essersi fatta conoscere due anni fa con il romanzo Dammi mille baci, uno young adult fortemente straziante, e in seguito aver riconfermato la sua bravura con Sulle note di noi due, un intenso music romance, l’autrice è tornata con un genere del tutto diverso, quasi agli antipodi. Per te solo io è il primo volume di una serie di romanzi autoconclusivi, che danno vita alla Hades Hangmen Series, una saga dedicata al mondo MC (Motorcycle Club).

Vai all’articolo, clicca qui.

23-24/10: Lolita (libro) e Vladimir Nabokov a cura di Simona Zarcone

Vladimir Nabokov nasce a San Pietroburgo nel 1899 e cresce in un ambiente raffinato ed elegante. Parla tre lingue e conosce bene la cultura russa, francese e inglese, meno quella tedesca, nonostante viva a Berlino a causa della rivoluzione bolscevica, che ha costretto la sua famiglia all’esilio. Uomopoliedrico dai mille interessi con una vita interessante, una cultura vasta e una scrittura sublime, è anche appassionato di scacchi e farfalle, oltre a essere soprattutto l’autore di Lolita. Perché il romanzopossa essere pubblicato occorre tempo e il “coraggio” di un editore. È un libro che desta scalpore, che grida allo scandalo ma, ciò nonostante, diventa un bestseller.

Dal film “Lolita” del 1997 diretto da Adrian Lyne.

Vai all’articolo, clicca qui.

31/10: Halloween in foto a cura di Raffaella De Grazia

Da ricorrenza profana di nicchia, Halloween si è rapidamente trasformata in una delle festività più consumistiche dell’epoca moderna, con tutte le conseguenze che tale svolta comporta. Oltre al boom di vendite di caramelle, costumi e zucche da intagliare per ottenere il consueto, spaventoso ghigno, non esiste bacheca social che non metta in mostra il classico scatto da “paura”. Sono innumerevoli i soggetti prediletti da professionisti e “scattisti” dell’ultima ora quando si tratta di Halloween. Sul web è facilissimo imbattersi in siti e blog gestiti da fotografi che forniscono preziosi consigli su come ottenere uno scatto “orrorifico” e, al contempo, spaventosamente originale.

Uno degli scatti più noti della Arbus è infatti “Identical Twins”, ritratto inquietante di due gemelline monozigote del New Jersey utilizzata come spunto creativo dal cineasta nel celeberrimo horror “Shining”.

Vai all’articolo, clicca qui.

13-14/11: L’allieva (libri e serie TV) e Alessia Gazzola a cura di Alessia Saputo

In un tempo in cui la società impone alla donna di scegliere da quale parte debba pendere il suo ago della bilancia, se sulla carriera o sulla famiglia, la Gazzola compie un grande slancio: evitare di rinunciare. Essere tutto quello che desidera. Dopo la Laurea in medicina si trasferisce lontana da Messina, senza abbandonare la scrittura, la sua grande passione; ma Alessia lo sa bene che non si vive solo di sogni. Trasforma così in un vero e proprio lavoro quello che durante gli anni universitari si rivelava essere solamente un passatempo, diventando una scrittrice seguita e di successo. Dalla sua penna nasce la serie di romanzi L’allieva, poi trasportati in TV, la cui protagonista Alice Allevi è proprio il mini alter-ego dell’autrice.

L’allieva, è liberamente tratta dal ciclo di romanzi di Alessia Gazzola, scrittrice trentottenne siciliana.

Vai all’articolo, clicca qui.

16/11: Un tè con biscotti a Tokyo (libro) a cura di Monique Scisci

Il romanzo della Caplin colpisce subito, sia per la copertina, particolarmente evocativa, che per il titolo. Per gli appassionati delle atmosfere orientali, Tokyo è sicuramente affascinante e in questo romanzo è abilmente descritta attraverso gli occhi della protagonista Fiona. Blogger e aspirante fotografa, in lei ogni dettaglio risuona come monito di vita e nell’immergersi nella filosofia di una terra per cui la natura è fonte di ricchezza interiore, riscopre l’amore per se stessa. Un viaggio, il suo, all’insegna della consapevolezza.

Vai all’articolo, clicca qui.

18/11: Midnight sun (libro) a cura di Anna Rizzo

Il romanzo arriva finalmente nelle librerie statunitensi il 4 Agosto e in quelle italiane, edito da Fazi Editore, il 24 settembre, dopo dodici anni dall’ultimo libro della saga. I fan lo attendevano con ansia, anzi avevano quasi perso le speranze quando, a seguito del furto dei primi dodici capitoli, la stessa autrice aveva deciso di mettere il progetto nel cassetto minacciando addirittura di non farlo più uscire. Si deve essere proprio “devoti” alla saga e alla stessa autrice per avventurarsi nella lettura delle 767 pagine che compongono il romanzo. Ma alla Meyer va riconosciuto il merito di avere un modo tutto suo di tenere incollato il lettore a un libro che non è esattamente un tascabile.

“The Twilight Saga” è una serie cinematografica basata sui romanzi di Stephenie Meyer. La serie è composta da cinque film.

Vai all’articolo, clicca qui.

25/11: Il sangue della lupa – Romulus I (libro) a cura di Michele Messina

Da qualche anno il genere peplum sta avendo una rinascita, come testimoniano le nuove serie TV I vichinghi o I barbari, rivalutando il romanzo storico raccontando delle storie, più o meno verosimili, di personaggi immaginari, ambientate in una determinata epoca storica. Romulus, in onda su Sky, nasce proprio con questo intento, come rivela Luca Azzolini (l’autore incaricato di redarre i romanzi dopo la produzione della serie) nei ringraziamenti, facendo la dovuta menzione del regista della serie, Matteo Rovere e degli sceneggiatori Filippo Gravino e Guido Iuculano. Nei prossimi mesi usciranno il secondo e il terzo volume delle trilogia.

L’immagine è tratta dalla serie televisiva italiana del 2020 creata da Matteo Rovere.

Vai all’articolo, clicca qui.

In conclusione, il 2020 è stato un anno pieno di sfide, ma… “Ciò che conta non è quello che ti succede, ma come reagisci” Epitteto – filosofo greco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *