Il romanzo storico trascina i lettori attraverso il tempo e lo spazio per esplorare epoche passate e personaggi storici. È un genere letterario che combina finzione e storia per creare una narrazione avvincente ambientata in un periodo storico specifico. Gli scrittori di questa tipologia di libri dedicano tempo ed energia alla ricerca accurata dell’epoca in cui è ambientata la storia: dall’abbigliamento ai costumi sociali, dai materiali utilizzati per costruire al modo di parlare, tutto deve essere realistico e coerente con l’epoca.

Spesso i romanzi storici includono personaggi storici reali, come sovrani, leader politici o figure culturali dell’epoca, che interagiscono con personaggi di finzione, normalmente i protagonisti. Questo aggiunge un elemento intrigante di realismo alla storia che va oltre all’ambientazione. Con quest’ultima, gli autori si sforzano di catturare l’atmosfera e il contesto dell’epoca, permettendo ai lettori di immergersi completamente in un mondo diverso dal loro.

Le origini

Uno dei precursori del genere storico è Ivanhoe di Sir Walter Scott, pubblicato all’inizio del XIX secolo. Questo romanzo, ambientato nell’Inghilterra del XII secolo durante il regno di Riccardo Cuor di Leone, combina elementi di storia, avventura e romantici, ed è uno dei primi esempi di opera di narrativa che ha pone una forte enfasi sull’ambientazione storica. Una curiosità: in Ivanhoe è presente uno dei personaggi emblematici del genere: Robin Hood. Il ladro che ruba ai ricchi per dare ai poveri, però, diventerà popolare solo sessant’anni dopo, grazie al romanzo Il principe dei ladri di Alexandre Dumas. Insieme a Scott, ha contribuito a plasmare il romanzo storico come lo conosciamo oggi, mescolando finzione e storia.

Da allora, il genere storico si è evoluto e ampliato, diventando sempre più popolare. Gli autori romantici hanno spesso utilizzato l’ambientazione storica per esplorare temi come la passione e il conflitto tra individuo e società. Molte opere del XIX secolo si sono concentrate sull’idea di costruire un senso di identità nazionale, a volte attraverso una vera e propria riscrittura o interpretazione della storia.

Nel XX secolo, gli autori hanno sperimentato con diverse voci narrative, prospettive e stili di scrittura per creare storie uniche, spostando l’attenzione al di fuori delle frontiere nazionali. Ciò ha portato a opere ambientate in varie parti del mondo, esplorando culture e periodi storici diversi, così come diverse tematiche tra cui il colonialismo, i diritti civili e la globalizzazione. Emerge inoltre in questo periodo maggiore enfasi sulla psicologia dei personaggi, offrendo ai lettori una visione più profonda delle loro motivazioni e dei loro conflitti personali.

Il romanzo storico oggi

L’ambientazione storica continua a essere popolare tra gli autori contemporanei, che possono sfruttare i nuovi mezzi tecnologici per ricerche storiche avanzate e approcci narrativi innovativi. Oggi gli scrittori di questo genere esplorano una vasta gamma di periodi storici e luoghi, spesso scegliendo epoche meno conosciute o culture non occidentali per offrire una prospettiva unica: questa stessa tendenza si sta avendo nel genere fantasy, come avevamo visto in questo articolo.

Continuando la tendenza emersa nel secolo scorso, i romanzi storici contemporanei prestano molta attenzione all’approfondimento psicologico dei personaggi, cercando anche di rappresentare una gamma più ampia di voci e prospettive, inclusi gruppi sociali precedentemente trascurati come donne, minoranze etniche e altre comunità marginalizzate.

Oggi il romanzo storico è un genere ampiamente diffuso e amato in tutto il mondo. È popolare per la sua capacità di trasportare i lettori in luoghi e periodi lontani, aprendo finestre sulla storia e sulla cultura. Alcuni romanzi storici diventano bestseller internazionali e vengono tradotti in numerose lingue, dimostrando l‘attrazione universale di questo genere.

Le sottocategorie del romanzo storico

Come ogni genere letterario, il romanzo storico si può suddivide in sottocategorie, ognuna delle quali si concentra su specifici periodi storici, luoghi o temi.

  • Romance storico: pone l’enfasi sulla trama romantica e sulle relazioni personali all’interno di un determinato contesto storico.
  • Romanzo storico biografico: si concentra sulla vita e le avventure di figure storiche reali, da cui l’autore prende ispirazione per crearne una narrazione.
  • Romanzo storico epico: si tratta di romanzi di ampia portata che coprono un periodo storico significativo o una serie di eventi importanti, e che possono coinvolgere molteplici personaggi e trame intrecciate.
  • Romanzo storico del periodo antico e medievale: nel primo caso, le storie sono ambientate in epoche molto lontane, come l’Impero Romano, l’Antico Egitto e la Grecia antica; il secondo include Crociate, cavalieri, castelli e così via.
  • Regency: questi romanzi si svolgono durante il periodo della Reggenza britannica, tra il 1811 e il 1820, e spesso si concentrano su questioni di società e costume dell’epoca.
  • Ucronia: è un genere particolare, che immagina eventi storici che si sono svolti in modo diverso da come si conoscono nella realtà.
  • Fantascienza e Fantasy storico: alcuni romanzi storici contemporanei incorporano le nuove tecnologie, come Internet e smartphone, per creare un ponte tra il passato e il presente o per arricchire la narrazione con risorse digitali. O ancora, vengono presentati con accuratezza degli eventi realmente accaduti, aggiungendo però elementi fantastici come il Piccolo Popolo o la magia.

Queste sono solo alcune delle sottocategorie del romanzo storico, e spesso i romanzi possono combinare elementi da più di una di queste categorie. Il genere del romanzo storico è diversificato e offre una vasta gamma di opportunità per esplorare periodi e luoghi storici diversi attraverso la narrativa.

Un genere in evoluzione

Nel definire il romanzo storico, c’è bisogno di fare una precisazione: alcuni di quelli che oggi consideriamo come “storici” sono libri che trattano di eventi contemporanei all’autore. Prendiamo ad esempio Guerra e Pace di Lev Tolstoj, che offre un ritratto della società russa durante le guerre napoleoniche: oggi è considerato universalmente un romanzo storico, ma quando è stato scritto, nel 1863, Napoleone era morto da poco più di quarant’anni! È come se oggi qualcuno scrivesse un libro ambientato negli anni ’80: secondo te, rientrerebbe nella categoria di romanzo storico?

Tre autori da prendere ad esempio

  1. Valerio Massimo Manfredi, uno scrittore italiano noto per le sue ambientazioni storiche e archeologiche. È uno dei più celebri autori in Italia e ha guadagnato riconoscimento internazionale per le sue opere. Manfredi è un classicista di formazione: la sua competenza in campo archeologico e classico si riflette chiaramente nei suoi romanzi, che spesso presentano dettagli storici accurati. Molte delle sue opere esplorano le epoche greca e romana.
  2. Kate Morton, scrittrice australiana conosciuta per i suoi romanzi storici caratterizzati da trame che intrecciano il passato e il presente. Uno dei suoi tratti distintivi è l’uso di narrazioni complesse, che saltano avanti e indietro tra epoche diverse, rivelando gradualmente i segreti e le connessioni tra i personaggi e gli eventi. Le sue storie spesso coinvolgono misteri o segreti nascosti che i protagonisti devono scoprire.
  3. Wu Ming, un collettivo di scrittori italiani (ex Luther Blissett) noto per la produzione di romanzi storici e di narrativa politica. Tra le opere principali troviamo: Q, che si svolge durante la Riforma protestante; 54, ambientato a Genova nel 1547; Altai, che narra la storia dell’Impero ottomano e dei suoi conflitti nel XVII secolo. Le loro opere spesso affrontano questioni come l’oppressione, la ribellione e la lotta per i diritti umani.

Scrivere un romanzo storico

Nella stesura di una trama ambientata in un’epoca diversa dalla nostra, particolare attenzione è data alla fase di ricerca, essenziale per creare un’opera convincente e coinvolgente. La ricerca, infatti, aiuta a conferire credibilità al romanzo, e una narrazione credibile fa sì che i lettori si immergano completamente nella storia senza sentirsi distolti da inesattezze o errori evidenti.

Come abbiamo visto, una delle caratteristiche dei romanzi storici è quella di includere eventi reali. La ricerca accurata è essenziale per integrare questi avvenimenti nella trama in modo naturale e realistico. Aiuta, poi, a creare personaggi convincenti: la comprensione del periodo storico, delle credenze, dei valori e delle sfide del tempo può guidare il loro sviluppo, consentendo agli autori di creare individui che agiscono in modo coerente con il loro contesto.

Dettagli come abiti, architettura, lingua e costumi possono contribuire a far rivivere il passato nel modo più realistico possibile, ricreando non solo l’ambientazione, ma anche l’atmosfera del tempo. Una delle trappole a cui uno scrittore deve fare attenzione sono gli anacronismi, ovvero l’inserimento nel romanzo di elementi non presenti o noti durante il periodo storico trattato. Gli anacronismi possono compromettere la credibilità della storia!

Tra realtà e finzione

I romanzi storici consentono di rappresentare in modo accurato le culture, le tradizioni e le credenze dei popoli del passato. Questo contribuisce a evitare stereotipi o rappresentazioni fuorvianti, portando alla luce storie ed eventi storici meno conosciuti o trascurati. Un romanzo storico di successo crea un mondo credibile, coerente e coinvolgente che può trasportare i lettori indietro nel tempo e far loro vivere le esperienze dei personaggi, trovando un equilibrio tra avvenimenti reali e creatività dell’autore per narrare storie appassionanti.

Hai un romanzo storico nel cassetto e non sai come procedere? Scopri i nostri servizi editoriali, sapremo come aiutarti!

Foto di Jason Wong su Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *